Stampa

Tipi di propulsione nei mezzi di trasporto su acqua

La propulsione nei mezzi di trasporto su acqua può essere a remi, vela, a elica, a pale e a reazione.

  • A elica. Il mezzo di propulsione normalmente usato oggi è l'elica. L'uso dell'elica come mezzo di propulsione cominciò intorno al 1840. Tale mezzo, oltre ad avere un effetto di spinta in senso longitudinale, che è quello che fa muovere lo scafo, ha anche un effetto trasversale. L'effetto trasversale se l'elica è destrorsa (cioè se gira in senso orario guardando la poppa) porterà la poppa a spostarsi a dritta e la prua a sinistra; viceversa, se l'elica è sinistrorsa (cioè se gira in senso antiorario) sposterà la poppa a sinistra e la prua a dritta. Saranno sufficienti leggeri ritocchi col timone per eliminare questi effetti. Lo spostamento trasversale viene ad eliminarsi se si hanno due eliche: una sinistrorsa e una destrorsa. Un'elica è caratterizzata dal diamentro che si misura dall'estremità di una pala all'altra, passando per il centro, e dal passo che è misurato dall'avanzamento che farebbe l'elica se si muovesse in un corpo solido ad ogni giro completo di questa. A parità di diamentro, con un passo corto il motore tende ad andare su di giri, con un passo lungo il motore stenta a prendere giri. Per ogni motore è necessaria un'elica idonea al motore e con passo adatto allo scafo su cui viene installato. L'elica, girando, aspira l'acqua dalla prua e la spinge verso poppa. 

  • A ruote. Prima dell'avvento dell'elica esisteva il propulsore a ruote. Questo tipo di propulsione presentava notevoli inconvenienti, sopratutto in caso di mare agitato. Oggi è stato completamente soppiantato dall'elica (anche se estistono, sopratutto per fiumi o laghi, alcuni modelli di battelli e altre imbarcazioni a ruote)

  • A reazione. Concettualmente funziona così: una turbina aspira l'acqua da prua e la spinge verso poppa (come avviene con le pale dell'elica). Questo movimento dell'acqua imprime una spinta anche notevole alla nave. I vantaggi più evidenti di questo tipo di propulsione, sono mancanza dell'elica, con conseguente maggiore sicurezza per eventuali bagnanti, e la possibilità di navigare in acque basse.

  • A remi. Il remo, strumento nautico utilizzato per spostare un'imbarcazione, dal punto di vista fisico è una leva che può essere di primo o secondo genere a seconda che la pala stia fuori dall'acqua o immersa nell'acqua. Il remo ha una parte piatta (pala) ad una estremità. Il rematore impugna l'altra estremità. Il remo è distinto dalla pagaia perché quest'ultima è tenuta dal rematore mentre il remo è collegato all'imbarcazione tramite lo scalmo.

  • A vela. La vela è una superficie di tela o di sottile ma robusto materiale sintetico, di forma tale che utilizzando la forza del vento genera propulsione. Il suo funzionamento si basa sull'interazione fra il vento (e la sua direzione)

Valuta questo articolo

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
Valutazione 5.00 (1 Voto)
hits
24

Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!