Stampa

Storico Carnevale di Ivrea

Lo Storico Carnevale di Ivrea è un evento unico, riconosciuto come manifestazione italiana di rilevanza internazionale, come da comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 27.09.1956 (foglio n. 02999/894 di prot.), un “sogno” che si manifesta ogni anno portando nelle vie e nelle piazze della città di Ivrea storia, tradizione, spettacolo, emozioni e grandi ideali. In questo evento storia e leggenda si intrecciano per dar vita ad una sequenza spettacolare che travalica e fonde i secoli.

Lo spirito dello Storico Carnevale vive nella rievocazione di un episodio di affrancamento dalla tirannide, che si fa risalire al medioevo: un barone che affamava la Città venne scacciato grazie alla ribellione della figlia di un mugnaio che non volle sottostare allo jus primae noctis e che accese la rivolta popolare. In questa rievocazione il Carnevale si rinnova ogni anno come grande Festa Civica durante la quale la comunità di Ivrea celebra la propria capacità di autodeterminazione.

L’eroina della festa è la Mugnaia, al suo fianco il Generale, che fin dai primi anni dell’800 ha il compito di garantire un corretto svolgimento della manifestazione, insieme al suo Stato Maggiore Napoleonico, composto da valenti Ufficiali a cavallo e graziose Vivandiere.

Completano la galleria dei personaggi storici il Sostituto Gran Cancelliere, il Magnifico Podestà garante della libertà cittadina, il Corteo con le Bandiere dei Rioni rappresentati dagli Abbà ed i Pifferi e Tamburi.

A riempire di colori e profumi la città, vi è poi la famosa e spettacolare Battaglia delle Arance, momento di grande coinvolgimento e forte emozione, rievocazione della ribellione popolare alla tirannia.

Nella battaglia il popolo, rappresentato dagli aranceri a piedi sprovvisti di qualsiasi protezione, combatte a colpi di arance contro le armate del Feudatario, rappresentate da tiratori su carri trainati da cavalli, che indossano protezioni e maschere che ricordano le antiche armature.

In segno di partecipazione alla festa tutti i cittadini ed i visitatori, a partire dal Giovedì Grasso, scendono in strada indossando il Berretto Frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione ideale alla rivolta e quindi l’aspirazione alla libertà, come fu per i protagonisti della Rivoluzione Francese.

Per maggiori informazioni vai al sito della manifestazione


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

gufo serie personali ice Vincitore Woody Harrelson voltaggio petrolio Apodis GTA ananas metri pubblicita Naturalismo NOVE galletto Gabriele Salvatores cervello Repubblica musica Simone Tonini Paola Cortellesi LogBook ottobre IR1DD TeamViewer SWR CISAR Rachael Harris pranzo Stephen Graham Onde Stazionarie citronella TNT pisello Wunderground industriali Fox Ardalfjord pioggia banda VHF Linnè fisica ATC vapore acqueo zoccolo canzone Marco Bocci marketing Presidenti Artrite medico fulminazione automatico sito Romany Malco Circo Massimo colorante Che Giorno E' parsec TNX tempo Rosa HD Federico Mazzoli pollo di grano A3 ingrandimenti Nino Bixio bellezza Sbloccabili Migratore Amateur Radio db50 dispositivo elettronico Michael Fassbender granchio Libero meteofax piselli crostata MT63 medusa Christopher Knights collant Raffiche Funghi autonomia La Borsa Di Una Donna F1 Astronomico James Nesbitt Giordano Bruno Robert De Niro Friuli Venezia Giulia Siberian Husky Grandine Via Da Qui rai 1 Mare Serenitatis RG 58 C/U pomodoro reale voli sepolto Goffredo Mameli orbita geostazionaria duplex Pesce Leone volta celeste Eugene Levy presidente Alexa Toolbar risoluzione schermo top secret Steve Buscemi Paleo-proterozioca parabolica plugin equinozio di primavera TONE site-book Shawn Levy WXtoImg disabilitare processi IGT periodo Martin Klebba Napoleone Bonaparte mostrare Batteri Campobasso sosta differenza di potenziale R-Zero Monte Bianco quarto d'onda firmamento vanillina Corazzata ADSL vegetazione Body Painting Rank software Samantha Cristoforetti Caorso lago di garda cyber CALLSIGN