Storico Carnevale di Ivrea

Lo Storico Carnevale di Ivrea è un evento unico, riconosciuto come manifestazione italiana di rilevanza internazionale, come da comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 27.09.1956 (foglio n. 02999/894 di prot.), un “sogno” che si manifesta ogni anno portando nelle vie e nelle piazze della città di Ivrea storia, tradizione, spettacolo, emozioni e grandi ideali. In questo evento storia e leggenda si intrecciano per dar vita ad una sequenza spettacolare che travalica e fonde i secoli.

Lo spirito dello Storico Carnevale vive nella rievocazione di un episodio di affrancamento dalla tirannide, che si fa risalire al medioevo: un barone che affamava la Città venne scacciato grazie alla ribellione della figlia di un mugnaio che non volle sottostare allo jus primae noctis e che accese la rivolta popolare. In questa rievocazione il Carnevale si rinnova ogni anno come grande Festa Civica durante la quale la comunità di Ivrea celebra la propria capacità di autodeterminazione.

L’eroina della festa è la Mugnaia, al suo fianco il Generale, che fin dai primi anni dell’800 ha il compito di garantire un corretto svolgimento della manifestazione, insieme al suo Stato Maggiore Napoleonico, composto da valenti Ufficiali a cavallo e graziose Vivandiere.

Completano la galleria dei personaggi storici il Sostituto Gran Cancelliere, il Magnifico Podestà garante della libertà cittadina, il Corteo con le Bandiere dei Rioni rappresentati dagli Abbà ed i Pifferi e Tamburi.

A riempire di colori e profumi la città, vi è poi la famosa e spettacolare Battaglia delle Arance, momento di grande coinvolgimento e forte emozione, rievocazione della ribellione popolare alla tirannia.

Nella battaglia il popolo, rappresentato dagli aranceri a piedi sprovvisti di qualsiasi protezione, combatte a colpi di arance contro le armate del Feudatario, rappresentate da tiratori su carri trainati da cavalli, che indossano protezioni e maschere che ricordano le antiche armature.

In segno di partecipazione alla festa tutti i cittadini ed i visitatori, a partire dal Giovedì Grasso, scendono in strada indossando il Berretto Frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione ideale alla rivolta e quindi l’aspirazione alla libertà, come fu per i protagonisti della Rivoluzione Francese.

Per maggiori informazioni vai al sito della manifestazione


Tags cloud

menu Slow Scan Television link donna 105 crocs Bari Call of Duty: Corydoras Velocità cima residenza melanzane Eritrea zaus Jodie Foster Amy Adams zoccolo Aosta Bunker Keith Richards omero Autolycus ASCII gasolio Tono TNX recchesi VFR URL Bombardier Tropico 4 mattonelle Rosario Dawson Nino Frassica sagra del fuoco schiuma Vimeo significato luna calante parmigiano reggiano Luca Miniero Buisson Psicoterapeuti testo leggi Evangeline Lilly Bambuseae Francesco Paolantoni ctr incrocio trivellazione ibrido RTSP legge Billy Connolly Allen Grant Grammo Angela Finocchiaro comunicazioni IGT stazione HD 1080 Richard Harris Trentino soia gelicidio stazione spaziale effetto Joule subaudio Revelations marmellata corsivo FT1DE Il Diluvio Universale Orso Polare APT dio LHC ripetitore pomodoro monossido di carbonio citare Norvegia La Borsa Di Una Donna Gabriele Salvatores Garry Cooper valanga SWR Super cielo stellato Zanzariere fragole Jonathan Taylor golosi ritrasmissione MOAB Amazon Paola Minaccioni Egidio Veronesi gelatina Albergo Arti Perdute Vincere L'Odio Simon J. Smith DNS Andy Serkis pronto intervento RG58 Nessun Grado Di Separazione CTCSS Coccodrillo Sola Ostia Canadair osservare cappone vittoria Mickey Rooney vendere freezer WFM Dante Alighieri Collette Wolfe commissioni furti GMDSS Poste italiane Sigma Scalari Formiche Scacciatrici Africane allodola doppiatori browser tappe Peter Stormare Bigattino Valentino Picone tacco Emilia Romagna 800 MHz Alitalia Beatrice sismografi Quotazione CL-215 J. B. Smoove SatFinder Ghiacciaio Gary Shail