Storico Carnevale di Ivrea

Lo Storico Carnevale di Ivrea è un evento unico, riconosciuto come manifestazione italiana di rilevanza internazionale, come da comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 27.09.1956 (foglio n. 02999/894 di prot.), un “sogno” che si manifesta ogni anno portando nelle vie e nelle piazze della città di Ivrea storia, tradizione, spettacolo, emozioni e grandi ideali. In questo evento storia e leggenda si intrecciano per dar vita ad una sequenza spettacolare che travalica e fonde i secoli.

Lo spirito dello Storico Carnevale vive nella rievocazione di un episodio di affrancamento dalla tirannide, che si fa risalire al medioevo: un barone che affamava la Città venne scacciato grazie alla ribellione della figlia di un mugnaio che non volle sottostare allo jus primae noctis e che accese la rivolta popolare. In questa rievocazione il Carnevale si rinnova ogni anno come grande Festa Civica durante la quale la comunità di Ivrea celebra la propria capacità di autodeterminazione.

L’eroina della festa è la Mugnaia, al suo fianco il Generale, che fin dai primi anni dell’800 ha il compito di garantire un corretto svolgimento della manifestazione, insieme al suo Stato Maggiore Napoleonico, composto da valenti Ufficiali a cavallo e graziose Vivandiere.

Completano la galleria dei personaggi storici il Sostituto Gran Cancelliere, il Magnifico Podestà garante della libertà cittadina, il Corteo con le Bandiere dei Rioni rappresentati dagli Abbà ed i Pifferi e Tamburi.

A riempire di colori e profumi la città, vi è poi la famosa e spettacolare Battaglia delle Arance, momento di grande coinvolgimento e forte emozione, rievocazione della ribellione popolare alla tirannia.

Nella battaglia il popolo, rappresentato dagli aranceri a piedi sprovvisti di qualsiasi protezione, combatte a colpi di arance contro le armate del Feudatario, rappresentate da tiratori su carri trainati da cavalli, che indossano protezioni e maschere che ricordano le antiche armature.

In segno di partecipazione alla festa tutti i cittadini ed i visitatori, a partire dal Giovedì Grasso, scendono in strada indossando il Berretto Frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione ideale alla rivolta e quindi l’aspirazione alla libertà, come fu per i protagonisti della Rivoluzione Francese.

Per maggiori informazioni vai al sito della manifestazione


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

Ricky Memphis Eolo sandali montatura sepolto fiume deposito Teletu Simon J. Smith Winsock collant Samm Levine Calabria meridiana fly valvolare Anna Ascari circolare veicolo 144.800 MHz UNO Geoffrey Rush colonna Orso Polare mondojuve attila navicella italia 1 Revelations NOTA Repubblicano Napoleone LPD Spike Marco Aurelio punto gamma lavastoviglie Persefone ICOM 10Base-T Niccolò Calvagna broadcast Aircraft records missile ricetta 119 luce digitale bidè dadini Helmholtz Cavo coassiale Elena Breveglieri sismografi automobile money omero anni luce A3 comunicare CMS apollo Micro-Processor vasca Castelli manifestazione NTFS acquaneve potenziale volt sannita Supermercato Stabilimenti Balneari formula Coco Chanel 1200 baud modulare Lincoln Pytheas FM Jacqueline Loewen VDC idrogeno Tiranno netplwiz michela palmieri live referendum Oscar Piombo Carburatore coassiale BCL Naomie Harris Sogni Infranti Bill Nighy mangiare Multiple Frequency Shift Keying esplorazione sito Full duplex Giulio Cesare Assassinato Neurologia 1603 inno nazionale Natalie Dormer Vigili del fuoco Cacciatorpediniere torta tetto MS DOS Libero Bortolazzi Dan Stevens Avvio motore pasta Canale 16 PSP plugin boeing cavolo verza stafilococco cipolla cappone Kermes vermilio Regina fondatore MRSC router cambiare anziani Napoleone Bonaparte Edward Whymper Xbox 360 Telecamera ontario rilascio gallo ruspante bagnanti riavvio fenomeni atmosferici Jacqueline Emerson Enrico Ruggeri Abduction Polpo Anelli Blu medicina ibrido Seconda guerra mondiale Oceanus Procellarum ponti radio