Storico Carnevale di Ivrea

Lo Storico Carnevale di Ivrea è un evento unico, riconosciuto come manifestazione italiana di rilevanza internazionale, come da comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 27.09.1956 (foglio n. 02999/894 di prot.), un “sogno” che si manifesta ogni anno portando nelle vie e nelle piazze della città di Ivrea storia, tradizione, spettacolo, emozioni e grandi ideali. In questo evento storia e leggenda si intrecciano per dar vita ad una sequenza spettacolare che travalica e fonde i secoli.

Lo spirito dello Storico Carnevale vive nella rievocazione di un episodio di affrancamento dalla tirannide, che si fa risalire al medioevo: un barone che affamava la Città venne scacciato grazie alla ribellione della figlia di un mugnaio che non volle sottostare allo jus primae noctis e che accese la rivolta popolare. In questa rievocazione il Carnevale si rinnova ogni anno come grande Festa Civica durante la quale la comunità di Ivrea celebra la propria capacità di autodeterminazione.

L’eroina della festa è la Mugnaia, al suo fianco il Generale, che fin dai primi anni dell’800 ha il compito di garantire un corretto svolgimento della manifestazione, insieme al suo Stato Maggiore Napoleonico, composto da valenti Ufficiali a cavallo e graziose Vivandiere.

Completano la galleria dei personaggi storici il Sostituto Gran Cancelliere, il Magnifico Podestà garante della libertà cittadina, il Corteo con le Bandiere dei Rioni rappresentati dagli Abbà ed i Pifferi e Tamburi.

A riempire di colori e profumi la città, vi è poi la famosa e spettacolare Battaglia delle Arance, momento di grande coinvolgimento e forte emozione, rievocazione della ribellione popolare alla tirannia.

Nella battaglia il popolo, rappresentato dagli aranceri a piedi sprovvisti di qualsiasi protezione, combatte a colpi di arance contro le armate del Feudatario, rappresentate da tiratori su carri trainati da cavalli, che indossano protezioni e maschere che ricordano le antiche armature.

In segno di partecipazione alla festa tutti i cittadini ed i visitatori, a partire dal Giovedì Grasso, scendono in strada indossando il Berretto Frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione ideale alla rivolta e quindi l’aspirazione alla libertà, come fu per i protagonisti della Rivoluzione Francese.

Per maggiori informazioni vai al sito della manifestazione


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

Luca Vendruscolo cpc grecia rapina tetra equinozio di primavera luna calante Direttori Referrals Rai 5 azoto Chiara Pecilidi ovovivipari Samuel Morse When We Were Young gonfiore Rai Scuola livella Dubhe Campeggiatore Principe Ennio Fantastichini Android Acciaio energia pulita TONE toscana target benzina Euro Truck Simulator 2 SatFinder mediaset crateri marini Formiche Scacciatrici Africane Oslo Hugh Hefner HEX indicativo di chiamata Riflesse online Fox firmamento linea Abduction Kim Raver navi Di Me E Di Te TEX Fusione Giulio Cesare tonno italia 2 DR Sam Elliott Toroidale Nina Zilli Leslie Jones previsioni Samantha Cristoforetti Duane Murray allodola ansaldo Oli essenziali iris orto italia 1 polpetta 1980 Stazione Radio Stanley Tucci documenti killer visite Pella sette colli Stella Polare colori Guppy Giasone Pelvicachromis pulcher GMT domicilio leggenda Carburatore Francesca Botti Olio motore Ridley Scott vino press COA uova Easyjet Caucaso Canale 20 caravan Brye Cooper campionato altezza astrofili ponti radio autolivellanti sandali email UEFA acquaneve usato Quadrantidi tumefazione Brunello Tomboli Amateur TeleVision ottici VV-898 basalto Slow Scan Television jolly Cartolina Mark Wingett grid-connected pomodoro Joel Coen loran Keplero Giorgio Paltrinieri Paleo-proterozioca Oscar Costo aru limite incrocio Telescopio seo Samuel L. Jackson ipermercati trend Diego Rispoli stazioni radioamatoriali pollastra Chris Miller Giordano Bruno rio cellulare xp orata Toyah Willcox cappelle Meteorite verdure Whoopi Goldberg Vimeo