Rete Idrica Antincendio, Idranti e Naspi


La rete idrica antincendio può essere collegata direttamente, o a mezzo di vasca di disgiunzione, all’acquedotto cittadino. La presenza della riserva idrica è necessaria se l’acquedotto non garantisce continuità di erogazione e sufficiente pressione”. In questo secondo caso “le caratteristiche idrauliche richieste agli erogatori (idranti UNI 45 oppure UNI 70) vengono assicurate in termini di portata e pressione dalla capacità della riserva idrica e dal gruppo di pompaggio.

rete idrica antincendio idranti naspi

Tipi di Idranti:

  • idrante a muro: apparecchiatura antincendio composta essenzialmente da “cassetta (o da un portello di protezione), supporto della tubazione, valvola manuale di intercettazione, tubazione flessibile completa di raccordi, lancia erogatrice
  • idrante a colonna soprasuolo: apparecchiatura antincendio, permanentemente collegata a una rete di alimentazione idrica, costituita da una valvola alloggiata nella porzione interrata dell’apparecchio, manovrata attraverso un albero verticale che ruota nel corpo cilindrico, nel quale sono anche ricavati uno o più attacchi con filettatura unificata. Per ciascun idrante deve essere prevista almeno una dotazione di una lunghezza unificata di tubazione flessibile, com-pleta di raccordi e lancia di erogazione” (dotazione ubicata in prossimità degli idranti)
  • idrante sottosuolo: apparecchiatura antincendio, permanentemente collegata a una rete di alimentazione idrica, costituita da una valvola provvista di un attacco unificato ed alloggiato in una custodia con chiusino installato a piano di calpestio. La posizione degli idranti sottosuolo deve essere adeguatamente indicata; devono inoltre porsi in atto misure per evitare che ne sia ostacolato l'utilizzo

I naspi sono invece un’apparecchiatura antincendio costituita da una bobina mobile su cui è avvolta una tubazione semirigida collegata ad una estremità con una lancia erogatrice. Il documento ricorda che per “l'impiego anche da parte di personale non addestrato”, i naspi sono un'alternativa agli idranti soprattutto per le attività a minor rischio. Tuttavia hanno prestazioni inferiori rispetto agli idranti. In alcune attività a basso rischio “possono essere collegati direttamente alla rete idrica sanitaria”.

Dove e come vanno posizionati gli idranti a muro e naspi?

  • devono essere posizionati in modo che ogni parte dell'attività sia raggiungibile con il getto d'acqua di almeno un idrante/naspo
  • in generale è ammissibile considerare che il getto d'acqua abbia una lunghezza di riferimento di 5 m
  • il posizionamento degli idranti a muro e dei naspi deve essere eseguito considerando ogni compartimento in modo indipendente
  • gli idranti e/o i naspi devono essere installati in posizione ben visibile e facilmente raggiungibile
  • preferibilmente posizionati in prossimità di uscite di emergenza o vie di esodo, in posizione tale da non ostacolare l'esodo
  • le caratteristiche della rete idranti sono fissate dalla norma UNI 10779

Fonte: Puntosicuro.it