Pianeta Mercurio


Essendo molto vicino al Sole, Mercurio non consente condizioni favorevoli di osservazione. Ecco perché, fino a qualche tempo fa, non se ne conoscevano in dettaglio le caratteristiche. Però gli scienziati non hanno sinora accertato se esiste, all'interno della sua orbita, un altro ignoto pianeta. L'ipotesi sembra in qualche modo avvalorata dalle perturbazioni alle quali il moto di Mercurio sembra soggetto, che potrebbero essere causate dalla presenza di un'altra massa planetaria ancora più vicina al Sole.

Le dimensioni di Mercurio sono ridotte: il suo diametro non è molto più grande di quello della Luna ed è di 4880 km. Esso dista circa 58 milioni di km dal Sole. La sua densità media è 5,1 volte quella dell'acqua. Il suo periodo di rivoluzione dura 88 giorni, mentre quello di rotazione è di 59 giorni. La lunghezza del giorno di Mercurio (176 giorni terrestri) e la sua vicinanza al Sole comportano fortissime variazioni della temperatura in superficie, che oscilla dai 425 °C dell'emisfero esposto al Sole ai170 °C delle lunghissime notti del pianeta.

Mercurio, il pianeta più vicino al Sole, venne esplorato dalla sonda statunitense Mariner 10. Nel corso del suo viaggio verso l'interno del sistema solare, la sonda sorpassò Venere nel febbraio del 1974 e sfruttò la gravità di questo pianeta per entrare in orbita attorno al Sole; in marzo arrivò a 692 km da Mercurio, fornendo la prima visione della superficie craterizzata del pianeta. Durante il suo secondo avvicinamento a Mercurio, in settembre, la sonda rivelò un campo magnetico del tutto inaspettato.