Identificazione delle stazioni radio

Una fase importante del radioascolto è quella della chiara identificazione della stazione ascoltata. L'identificazione può avvenire sulla base di un effettivo annuncio da parte del conduttore del programma, grazie a un jingle musicale o cantato, o a un insieme di indizi riferiti al contenuto del programma, lingua utilizzata, località geografiche e personaggi politici citati, eventi e personaggi sportivi, inni nazionali, spot pubblicitari, segnali orari, numeri telefonici e così via).


Registro di stazione per radioascolto
La caccia alle stazioni lontane e l'ascolto di programmi per l'estero sono facilitati dall'esistenza di repertori che contengono le liste di stazioni attive sulle rispettive frequenze o, nel caso delle broadcast internazionali, dalla disponibilità di guide alla programmazione (in inglese program schedule) con l'indicazione degli orari e delle frequenze utilizzate per le diverse fasce di programmazione in lingua.

Quando la lista non può essere risolutiva e su una determinata frequenza e in un determinato orario è teoricamente possibile l'ascolto di due o più stazioni, sono utili le considerazioni sui meccanismi della propagazione radioelettrica e sugli aspetti storico-statistici che favoriscono la ricezione di una stazione piuttosto che un'altra. Se anche questi fattori non sono determinanti, non resta che una accurata analisi del segnale ascoltato e possibilmente registrato, ai fini di individuare espliciti annunci o indizi per l'identificazione. Anche così, un certo numero di segnali rimane non identificato e come tale viene normalmente riportato su un log, il diario di bordo che il radioascoltatore è solito tenere come traccia della sua attività.

Come avviene per i radioamatori, anche i radioascoltatori possono contattare la stazione ricevuta per ottenere una conferma di ricezione chiamata QSL. La QSL, che il radioascoltatore invia alle emittenti, può essere una comune cartolina su un lato della quale vengono riportati i dettagli tecnici dell'ascolto effettuato, con l'indicazione della data, dell'ora, della frequenza ricevuta e di altri dati che comprovino il reale ascolto dell'emittente. L'emittente radiofonica, alla ricezione di una QSL correttamente compilata, potrebbe rispondere con una cartolina ufficiale che conferma il rapporto d'ascolto.

Fonte: Wikipedia


Tags cloud

Philip Seymour Hoffman Livorno APRS motore Cassino Friuli Venezia Giulia tallone impianto fotovoltaico KIAS guadagna online ip Guppy galassia ceci Primulaceae radioamatoriali inno nazionale bande umidità 454 Ivrea navigazione ricezione crocs Argonauti open signal gamma UHF Mauritshuis Foucault Martin Klebba Siberia dea emisfero Mediaset Extra Nina Zilli Farming Riccardo De Filippis Kilimangiaro Da Ponzone altezza bagnanti follow vegetazione acqua Richard Harris Superficie riflettori An-225 Rinascimento rosso Michele Novaro Rai 5 calore Bomba Vigili del fuoco orti Monarca assistenza Radiofaro Age Of War PS3 Alfonso XII di Borbone Christopher Guest Mediterraneo pompa onde riflesse I Miss You Short Wave Listener Mark Wingett menu Husky siberiano Russia granito K1RFD Messaggero Rapallo Simplex azoto sicurezza Tropico 4 pianura blogspot capperi snow AIR cyber avocado 1.000 dollari previsione windows trasmissioni televisive The Dome Olivia CubeSat dritto vetro Peter Jackson guadagnare online ossigeno Martin Scorsese Cavo coassiale Physaliidae Recco Meteo Tiles industriali petrolio rete 4 acquistare Marco Aurelio satellitare Mike Myers nichel ottimizzare Camgirls TCP lago DIGIPEATER RNA calzatura NOAA Edipo capacità DNS Primario POP Body Painting offerta quattro quarti plateau assorbimento fiori Lucrezia Borgia temperatura Giacomo Ciarrapico immagine decibel impianto noindex snapshot Cretaceo Bill Hader sistema pollo di grano Formiche di Fuoco Smartphone truffe olio eporediesi obbiettivo zoom 18-55 mm turbogas