Giordano Bruno - Filosofo e religioso italiano

1548 | 17 febbraio 1600

Filosofo e religioso italiano

Giordano Bruno nasce a Nola, vicino a Napoli, nel 1548 da una nobile famiglia campana. Sin da ragazzo avverte la vocazione al sacerdozio: compiuti i primi studi a Napoli, all'età di 17 anni entra come novizio nel convento di San Domenico sostituendo il proprio nome, Filippo, con quello di Giordano, e sette anni dopo è ordinato sacerdote.

Appassionato di teologia e filosofia antica e moderna, dotato di animo irrequieto e fervido acume non incline all'accettazione di dogmi senza averli prima sviscerati nel profondo, gradualmente matura la convinzione panteistica - ispirata ad Eraclito - che Dio è l'universo pur nella sua molteplicità; ma in tempi di piena Controriforma, forse i più bui nella storia della Chiesa cattolica romana, la sua teoria gli costa l'accusa di eresia, costringendolo ad abbandonare Napoli.

Giordano Bruno ripara a Roma dove, nel 1576, lascia l'abito talare. Riprende a viaggiare per l'Italia, da Roma a Nola, a Savona, a Venezia, fino ad approdare a Ginevra dove abbraccia il calvinismo. Dalla Svizzera si trasferisce a Tolosa, in Francia, dove si dedica all'insegnamento e a Parigi, nel 1582, scrive le sue prime opere, fra le quali "De umbris idearum" e "Il Candelaio" (in verità la sua prima opera, "De' segni de' tempi", risale al 1577).

Dal 1583 al 1585 è in Inghilterra, dove prosegue la produzione letteraria con la pubblicazione de "La cena delle ceneri" e "De l'infinito universo et mondi": pubblicate nel 1584, entrambe sposano le teorie copernicane sulla natura e sull'eliocentrismo, pur contrapponendo al mondo finito di Copernico la sua idea di infinità dell'universo, ed accantonano definitivamente i postulati aristotelici; con "Spaccio de la bestia trionfante" (1584) e "Degli eroici furori" (1585), pone la conoscenza dell'universo quale fine ultimo della vita; del 1584 è anche "De la causa principio et uno", la sua opera più importante.

Nel 1591 è in Germania, a Francoforte, ed anche qui continua a scrivere componendo tre poemetti latini "De triplici, minimo et mensura", "De monade, numero et figura" e "De immenso et innumerabilibus".

Nello stesso anno è invitato a Venezia dal nobile Giovanni Mocenigo che desidera essere da lui istruito sulla mnemotecnica e, probabilmente, avviato alla magia. Giordano Bruno si trasferisce dunque nella città lagunare, non presagendo che quella decisione gli sarà fatale: il Mocenigo, infatti, impressionato dalle idee fortemente temerarie dell'ex sacerdote fino ad apparirgli inquietanti e blasfeme, lo denuncia al Sant'Uffizio facendolo arrestare e processare prima a Venezia, dove ritratta in parte le proprie posizioni; poi l'inquisizione romana avoca a sé il processo e chiede, ottenendola nel 1593, l'estradizione dalla Repubblica lagunare.

Nel 1599 il cardinale Bellarmino lo sollecita ad abiurare ed egli sembra accettare, ma le sue dichiarazioni appaiono parziali e insufficienti. Dichiarato eretico, è condannato al rogo.

Per ordine di Papa Clemente VIII Giordano Bruno viene arso vivo a Roma, in Campo de' Fiori, il 17 febbraio 1600, all'età di 52 anni. In quello stesso luogo, nel giugno 1889, su iniziativa di un folto gruppo di uomini di cultura, Francesco Crispi erigerà un monumento in sua memoria.

Giordano Bruno ha avuto la capacità, oltre che il coraggio, di esporre in chiave filosofica la concezione pagana della vita nel Rinascimento rispetto a quella medievale. Delle sue idee egli scrive: "Con questa filosofia mi si aggrandisce l'animo e mi si magnifica l'intelletto".

La sua vita così errabonda, fraintesa, perseguitata ed eroica lo porterà a definire sé stesso un "accademico di nulla accademia". Illuminista ante litteram, il filosofo nolano rimane una delle figure più sui generis nella storia della filosofia moderna.

Le altre opere di Giordano Bruno: 1568/71: "Arca di Noè"; 1576: "Gli pensier gai" e "Tronco d'acqua viva" (mai pubblicate); 1576/81: "Lezioni sulla sfera" e "Lezioni sul 'De Anima' di Aristotele" (mai pubblicate); 1579/81: "Censure contro il De la Faye" e "Clavis Magna"; 1581/82: "De' predicamenti di Dio"; 1582: "Cantus circaeus ad memoriae praxim ordinatus", "De compendiosa architectura et complemento artis Lullii" e "Purgatorio de l'Inferno"; 1583: "Ars reminiscendi" ed "Explicatio triginta sigillorum et Sigilli sigillo rum"; 1585: "Cabala del cavallo pegaseo";

1586: "Arbor philosophorum", "Figuratio Aristotelici Physici auditus", "Dialogi duo de Fabricii Mordentis Salernitani prope divina adinventione"; "Dialogi Idiota triumphans", "De somnii interpretazione", "Centum et viginti articuli de natura et mundo adversus Peripateticos" e "Animadversiones circa lampadem lullianam"; 1587: "De Lampade combinatoria lulliana", "De progressu et lampade venatoria logicorum ", "Artificium perorandi" e "Lezioni sull' 'Organo' di Aristotele"; 1588: "De specierum scrutinio et lampade combinatoria Raymundi Lullii", "Camoeracensis acrotismus seu rationes articulorum physicorum adversus Peripateticos", "Libri physicorum Aristotelis explanati", "Oratio valedictoria" e "Articuli centum et sexaginta adversus huius tempestatis mathematicos atque philosophos"; 1589: "Oratio consolatoria"; 1589-90: "De Magia", "De magia mathematica ", "De rerum principiis, elementis et causis", "Medicina lulliana ", "Delle sette arti liberali" e "Delle sette arti inventive";

1591: "De imaginum, signorum et idearum compositione", "Theses de magia", "De vinculis in genere", "Lampas triginta statuarum", "Praelectiones geometricae", "Ars deformationum", "De rerum imaginibus", "Templum Mnemosynes", "De multiplici mundi vita ", "De naturae gesti bus", "De principiis veri" e "De astrologia". Opere postume: 1609: "Summa terminorum metaphysicorum"; 1612: "Artificium perorandi".