Skin ADV
Stampa

Dr Livingstone, I suppose

David Livingstone è stato un medico, missionario ed esploratore scozzese dell'età vittoriana. Nato nel Regno Unito a Blantyre il 19 marzo 1813 e deceduto sessanta anni dopo a causa della malaria il 1 maggio 1873.

Più che per le sue mirabolanti imprese, è passato alla storia per una frase: «Il dottor Livingstone, suppongo» così si è rivolto a lui il giornalista Henry Morton Stanley che era alla ricerca di questo grande esploratore apparentemente scomparso tre anni prima nel cuore del continente nero. Questo incontro è avvenuto il 10 novembre 1871 lungo la riva del fiume Tanganica.

Erano i due unici uomini bianchi nel raggio di centinaia di chilometri, per cui non dovevano esserci dubbi sull'identità del viaggiatore sperduto. Il fatto che ciononostante si salutassero come durante un casuale incontro tra gentiluomini al club è entrato nel mito, a dimostrazione dell'etichetta, dell'imperturbabilità, del leggendario understatement inglese.

Nel periodo 1852-56 Livingstone esplorò l'entroterra africano scoprendo, lungo il corso del fiume Zambesi, le cascate Vittoria, cui diede il nome dell'allora Regina d'Inghilterra. Livingstone fu uno dei primi europei a fare un viaggio transcontinentale attraverso l'Africa. Lo scopo del suo viaggio era di aprire nuove vie commerciali, e di accumulare informazioni utili sul continente africano. In particolare, Livingstone era un sostenitore delle missioni e del commercio nell'Africa centrale. Tornò in Inghilterra per ottenere un supporto a queste sue idee e per pubblicare un libro sui suoi viaggi. Fu in questo periodo che si dimise dalla società missionaria alla quale apparteneva.

Valuta questo articolo

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
Valutazione 5.00 (1 Voto)
hits
53

Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!