CRONO (Grecia) - Signore dell'universo durante l'Età dell'Oro


CRONO (Grecia) Signore dell'universo durante l'Età dell'Oro, uno dei sei titani maschi, ultimo figlio di Urano e Gea. I primi figli dei suoi genitori furono gli ecatonchiri, mostri con cento mani e cinquanta teste, che Urano aveva rinchiuso in un luogo segreto. Per salvarli, Gea chiese aiuto ad altri suoi figli: soltanto Crono accettò la sfida, evirò Urano e ne prese il posto nei cieli. Crono sposò la propria sorella, Rea, e generò con lei sei delle dodici divinità dell'Olimpo. Essendogli stato profetizzato che uno dei suoi figli l'avrebbe spodestato, Crono divorò i primi cinque appena nati. Ma il sesto figlio, Zeus, venne sostituito da Rea con una pietra avvolta in fasce. Zeus fu nascosto a Creta, e quando diventò adulto con l'aiuto di Gea costrinse Crono a rigettare i cinque figli e la pietra, che fu poi portata a Delfi. Liberati gli ecatonchiri e i ciclopi dalla prigione in cui li aveva rinchiusi Crono, con il loro aiuto e con quello delle sue cinque sorelle e dei titani, Zeus intraprese una guerra contro il padre. Crono e i titani furono confinati nel Tartaro, una grotta nella parte più profonda del mondo sotterraneo.