Che cos'è un buco nero?

Nella relatività generale si definisce buco nero una regione dello spaziotempo con un campo gravitazionale così forte e intenso che nulla al suo interno può sfuggire all'esterno.

Classicamente questo avviene attorno ad un corpo celeste estremamente denso nel caso in cui tale corpo sia dotato di un'attrazione gravitazionale talmente elevata che la velocità di fuga dalla sua superficie risulti superiore alla velocità della luce.
Da un punto di vista relativistico, invece, la deformazione dello spaziotempo dovuta ad una massa così densa è tale che la luce subisce, in una simile situazione limite, un redshift gravitazionale infinito. In altre parole, la luce perde tutta la sua energia cercando di uscire dal buco nero.
La superficie limite al di là della quale tali fenomeni avvengono è detta orizzonte degli eventi.
Da questa caratteristica deriva l'aggettivo "nero", dal momento che un buco nero non può emettere luce.
Dal fatto che nessuna particella può sfuggirgli (nemmeno i fotoni), una volta catturata, risulta invece appropriato il termine "buco".
Un corpo celeste con questa proprietà risulterebbe, quindi, invisibile e la sua presenza potrebbe essere rilevata solo indirettamente, tramite gli effetti della materia che precipita nel suo intenso campo gravitazionale. Fino ad oggi sono state raccolte numerose osservazioni astrofisiche che possono essere interpretate (anche se non univocamente) come indicazioni dell'effettiva esistenza di buchi neri nell'universo, come le galassie attive o le binarie X. Il termine "buco nero" è dovuto al fisico John Archibald Wheeler (in precedenza si parlava di dark star o black star).
Oggetti i cui campi gravitazionali sono troppo forti per permettere alla luce di fuggire sono stati teorizzati nel XVIII secolo da John Michell e Pierre-Simon Laplace. La prima soluzione moderna della relatività generale, che avrebbe caratterizzato un buco nero, è stata trovata da Karl Schwarzschild nel 1916, anche se la sua interpretazione relativa a una regione di spazio da cui nulla può sfuggire è stata pubblicata da David Finkelstein nel 1958. A lungo considerata una curiosità matematica, risale agli anni '60 la dimostrazione teorica che i buchi neri erano una previsione generica della relatività generale. 

La scoperta successiva delle stelle di neutroni ha suscitato interesse negli oggetti compatti collassati su loro stessi per via della loro forza gravitazionale come una possibile realtà astrofisica.

Fonte: Wikipedia


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

Umbria fredda Wes Bentley Amedeo Grieco yoyo Cecina sintomi Sandro Pertini Richard Griffiths horror pompa Montreal Bridget Moynahan Sitemap 4030 anticiclone tacchi Temporale cavolo di Bruxelles Werner Herzog yucatan galletto Paolo Nespoli Capitolino Hef gasolio MS-DOS Josip Broz Tito Virus cartoonito portata ottobre Tono giglio della Madonna TONE Referrals Volfango De Biasi carburante Jeff Bridges LVOR periodo FLAC Cassini politico Polpo Anelli Blu foce concessionario RGB allunaggio rea Donald Sutherland PSP Merle Robbins Ultor Protezione Civile direttiva infiammabili frutta secca Ennio Fantastichini Charm bar dipoli Molise asia Giorgio Paltrinieri raccomandata Rapallo febbraio Kostel Marte Guercino Scorpena Volante modello Martin Freeman Repubblica previsioni Valpolicella ritrasmissione tastiera AdSense 112 OpenDNS PORTATILE sale Turnstile Pecilidi ovovivipari Tauridi GOA cache nickname Persefone coassiale impianto fotovoltaico vietati Abduction lucchesi Fattoria Sovietico multitasking sciami SpeedTest When We Were Young Hytera Olio motore Dear Jack pipistrelli Alpi Samuel L. Jackson Ispettorato Regionale rosmetro DIGIPEATER GEO Licenza CERN Ricevere mattoni Telescopio INAIL scala Mercalli sashimi Albert Einstein Premium Eraclit lambda Budino logaritmiche periodiche AMBIENTE 119 Elica rame Blockchain DR Afrodite Castagno lucca Latina Francia camosci bottiglia Grado righe app Xbox Federico Barbarossa Beatrice ingrandimenti Georg Simon Ohm fiordi sifone marina Awards snapshot