Stampa

Cause e formazione di un Fulmine

La scarica di un fulmine è un tipico fenomeno elettrostatico molto simile a livello fisico e logico a quello di una scarica elettrica che avviene tra due piastre di un condensatore piano quando la differenza di potenziale tra di esse supera la cosiddetta rigidità dielettrica del mezzo fisico frapposto, in questo caso l'aria atmosferica (modello a condensatore).

A livello microscopico la scarica sarebbe generata dalle particelle cariche negativamente presenti sulla superficie esterna della nube, che vengono attratte dalle particelle positive presenti nel suolo. Si genera quindi una differenza di potenziale. Sono state studiate varie cause che includono le perturbazioni atmosferiche (vento, umidità, attrito e pressione atmosferica), ma anche l'impatto di particelle provenienti dal vento solare e l'accumulo di particelle solari. Anche le particelle di ghiaccio all'interno della nuvola sono ritenute essere un elemento fondamentale nello sviluppo dei fulmini, in quanto possono provocare la separazione forzata delle particelle con cariche positive e negative, contribuendo così all'innesco della scarica elettrica.

Il meccanismo di formazione è solitamente il seguente: dalla nuvola ha inizio un canale ionizzato (detto canale di prescarica) che avanza nell'aria verso il basso, muovendosi a tratti con avanzamenti rapidi dell'ordine dei 50 metri e pause nell'ordine di 50 microsecondi, in modo che la velocità media risultante dell'avanzamento sia di circa 1 metro/microsecondo. Quando il canale ionizzato, che appare debolmente luminoso e presenta irregolarità di percorso e ramificazioni, raggiunge il punto di contatto con il suolo (o su una linea elettrica ad esempio) fluisce verso terra una elevata corrente dovuta alla scarica quasi completa del canale ionizzato (scarica di ritorno), la quale inizia dal suolo e si propaga verso la nube con una velocità di circa 10% - 30% di quella della luce rendendo via via notevolmente luminoso il condotto di fulmine e le sue ramificazioni. È possibile riprodurre il fenomeno fisico del fulmine tramite apparecchiature quali elettrofori, come ad esempio quello di Van de Graaff, sebbene il controllo di queste scariche elettostatiche sia limitato.


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

OpenDNS Ben Stiller CNAME elemento oggettivo VEICOLARE sub audio Ethan Coen Stephen Graham energia Radiosentiero TNT Alpha apertura Satelliti vasca frutta secca carta lunare autolivellanti peep toe scaldabagno sito consuma temperatura idroclorofluorocarburi Alpi Graie trace reattanza induttiva nord Trino batteria Annalisa fulminazione Verdon J. B. Smoove Napolitano pupilla nofollow Hayley Marie Norman Ispettorato Regionale nichel-cadmio GTA Madrid adattatore Galileo PSP Marco Bocci SMS notturno commissioni Filosofo system Castelli colazione TECSUN Edwin Aldrin bambù anonimo noci Giulio Cesare Juentai milano Francesca Botti Veneto processi Mirach router Anna Ascari verifica estrazione tastiera fotogramma calcio oculare Antonov alisei Ridley Scott Augusto Gatti flat Onde Sismiche cucciolo Federico Mazzoli Natante tenda Rasbore risultati CGIAR Siberia bardotto turbolenza Chesapeake Bay Georg Simon Ohm gorgona Lello Arena top secret Annet Mahendru allerta tofu Alpi Marittime Connie Nielsen scala Richter sandali religioso Samm Levine Super ampere Eraclit Network erbivori Egidio Veronesi popolarità Big Boy classi di fuoco estive astrofili 2015 gommino Windows 10 dentista RG 8 mini giorni luna crescente Democratico potenziale Merak Aeroporto legname giulia AIR Sousse pesci Brando Quilici sottomarino omnidirezionale insalata generatore Aculei Jonathan Taylor Casey Affleck metadata Thomas Jefferson Euro Truck Simulator 2 lost JT9 Ardalfjord call sign Etruschi detersivo cassetta sbarco LOOP