Stampa

Aurora Polare - Boreale - Australe

L'aurora polare è detta così perchè avviene in prossimità dei poli. In realtà, a seconda dell'emisfero Nord o Sud in cui si manifesta (e quindi del Polo Nord o Sud terrestri), si chiama Aurora boreale (Polo Nord) o Aurora australe (Polo Sud).

aurora polare boreale australe

Fenomeno ottico osservabile nell'alta atmosfera al di sopra del 65 gradi di latitudine e tra i 100 e i 200 Km di altezza, dovuto al cosiddetto 'vento solare', una sorta di corrente proveniente dal Sole, le cui particelle (ioni), arrivando in prossimità della Terra, vengono costrette a deviare verso i Poli seguendo le linee di forza del campo magnetico terrestre. Quando penetrano nella ionosfera, queste particelle interagiscono con i gas rarefatti e ionizzati presenti i quali, eccitandosi, emettono i loro spettri caratteristici. L'ossigeno d'alta quota emette luce rossa, mentre quello più basso luce verde, il colore più comune; l'azoto invece è fonte di luce blu e violetta.

Il primo ad usare il termine "aurora boreale" è stato Galileo nel 1619, termine che fu ripreso più tardi anche da un altro astronomo francese, Pierre Gassendi.


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!