Alestopetersius caudalis - Tetra pinna gialla del Congo


Informazioni utili
dimensioni min vasca: 100x45x45
numero min di esemplari: 6
coppia formata: no
taglia max in acquario: 7,5
dimorfismo sessuale: si
riproduzione: Oviparo
livelli di nuoto: Medio
ph: 6-7,5
aggressività v/conspecifici: Pacifico
temperamenti v/coinquilini: 1
difficoltà di allevamento: 1
tipologie acqua: Dolce
regimi alimentari: Carnivoro
famiglia: Alestidi
durezza acqua: Media
livelli di temperatura: 22-26

Alestopetersius caudalis

Differenze morfologiche tra esemplari
I maschi una volta raggiunta l'età adulta hanno una livrea più colorata e le pinne anale, dorsale e caudale più sviluppate rispetto alle femmine

Comportamento in habitat naturale
Questo piccolo rappresentante degli alestidi popola le acque di pozze e piccoli corsi d'acqua ricchi di vegetazione del bacino idrografico del fiume Congo, si tratta di un pesce che vive in gruppo, dall'indole pacifica e dalla dieta prettamente carnivora nutrendosi di insetti, larve e piccoli invertebrati.

Comportamento in acquario
L'Alestopetersius caudalis non è molto diffuso in acquariofilia anche se negli ultimi tempi la sua popolarità sta aumentando grazie ad una maggiore reperibilità nei negozi specializzati, si tratta di un pesce che dovrebbe essere allevato in gruppi di almeno 6-8 individui ed inserito in vasche di media grandezza arredate con una buona presenza di piante e legni sommersi che lascino comunque ampio spezio per il nuoto. Il Tetra coda gialla del Congo è un attivo nuotatore, ha un'indole pacifica ma se inserito in numero insufficiente o con compagni di vasca inadeguati tenderà a mostrarsi più aggressivo e a mordere le pinne degli altri pesci, l'ideale sarebbe inserirlo assieme ad altri caracidi di taglia simile, ciclidi e pesci gatto dei fiumi africani.

Alimentazione in acquario
cibo secco e congelato(gamberetti, mysis, chironomus).

La riproduzione
Anche se non si hanno notizie di riproduzioni in cattività la metodologia dovrebbe ricalcare il rituale riproduttivo di tutti gli alestidi, dopo incessanti corteggiamenti da parte del maschio la coppia si apparterà dal gruppo e rilascerà uova e sperma che precipiteranno sul fondale dove saranno abbandonate al loro destino in quanto i genitori non proteggeranno queste ultime ma addirittura se ne ciberanno. Dopo la riproduzione gli adulti dovranno essere spostati in un'altra vasca per consentire alle uova di schiudersi e agli avannotti di crescere senza il rischio di essere predati, le larve dovranno essere alimentate con cibo micronizzato e naupli di artemia.