Aerazione Acquario

Un aspetto non fondamentale ma in certi casi molto importante quando si progetta e allestisce un acquario è quello inerente all’aerazione. Cerchiamo dunque di capire quando serve, quando ne possiamo fare a meno o quando addirittura potrebbe rivelarsi dannoso per l’equilibrio della vasca.

L’aerazione si ottiene mediante un aeratore che è una pompa posizionata all’esterno della vasca che aspira l’aria dell’ambiente spingendola in tubi del diametro di 4 o 6 millimetri; questo tubo finisce in vasca e termina con un diffusore microporoso che ha la funzione di scomporre l’aria in una miriade di piccole bolle che costituiscono una colonna d’aria che sale verso la superficie.
Va subito precisato che non sono le bolle contenute in questa colonna ad apportare l’ossigeno in vasca, ma è la turbolenza che questa provoca sulla superficie a favorire lo scambio gassoso aiutando ad espellere l’anidride carbonica presente nell’acqua e aiutando la penetrazione dell’ossigeno in quest’ultima.

In una vasca ben equilibrata con un buon movimento d’acqua superficiale (garantito dalla pompa del filtro o da una pompa di movimento) l’utilità dell’aeratore è quasi nulla specie poi se la vasca è piantumata in quanto durante il processo di fotosintesi le piante assorbono anidride carbonica ed espellono ossigeno. L’aeratore diventa importante quando in vasca verranno ospitati grossi ciclidi che richiedono un’acqua ben ossigenata.

In un acquario marino, specialmente di grandi dimensioni, la presenza di un’aerazione supplementare non può che portare benefici contribuendo a ricreare le condizioni ottimali per ospitare organismi marini.

L’aeratore non dovrebbe essere utilizzato quando ci troviamo in presenza di una vasca molto piantumata fertilizzata mediante immissione di Co2 (anidride carbonica), in questo caso la colonna d’aria prodotta disperderebbe gran parte della Co2 immessa nell’acquario rendendo vana la fertilizzazione e, aumentando l’ossigeno presente in vasca potrebbe alterare i parametri chimico- fisici dell’acqua che vogliamo mantenere.

Considerate queste premesse, se nel nostro caso la presenza di un aeratore diventa importante andremo a posizionare un diffusore ogni 100-150 litri di volume della vasca per quanto riguarda l’acqua dolce e uno ogni 75-100 litri se saremo in presenza di acqua di mare. Va detto che un diffusore non corrisponde necessariamente ad un aeratore,ed esistono in commercio una serie di accessori quali raccordi, rubinetti e valvole che consentono di creare veri e propri impianti modulari che partendo da un aeratore possono aiutarci ad ottimizzare il nostro impianto in base alle nostre esigenze.
Solitamente gli aeratori per acquario sono discretamente rumorosi ed è meglio evitare di posizionarli in ambienti come camere da letto o zone di relax; è possibile però attenuarne il rumore costruendo degli involucri di materiale morbido che ne assorba le vibrazioni. Visto che l’aria che finisce in vasca è quella prelevata dall’ambiente dove è posizionato l’aeratore, è bene sincerarsi prima che nelle vicinanze non ci sia la presenza di fumo o vapori tossici.


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

pagina web Bufalo Nero Eli Roth tagliare Oli essenziali Feedback rivista Speed percorso assorbimento acquario Protezione Civile trivellazione emisfero australe Steve Coogan Calabria squalo Vanessa Hessler jolly tentacoli riflettori Elijah Wood Pietro Badoglio YAESU Bob Bruninga gallina Emilia Romagna fiore stufa elettrica Formiche Scacciatrici Africane Marco Giallini titano supporto denari Jessica Chastain APRS orata Assistenza Online energia elettrica Frigo pomodori stazione spaziale sexy modulo ristorante Monarchia R1 Paola Bianchi Canadair cappone MasterCard inbound link linea SHF Alessandra Mastronardi Georg Simon Ohm FLAC Ellen Burstyn Bologna risotto Alfonso XIII di Spagna Meteo Satellite Charms bar Giacomo Ciarrapico Mauritshuis QSO spider Rebel Wilson Web ottimizzare TIM Skyler Gisondo Robert De Niro Ministero Edward Whymper Fanerozoico quattro quarti radioonde luce Capitanerie elettricità Quinseina tag NOTA cioccolato Nespoli Natalie Dormer Piante di primo piano seducenti luna calante kilometri statunitense ananas Nagasaki Onde Elettromagnetiche Bluetooth pulizia inlink buco nero furto DR Ostia Olio motore Spacecraft previsione R-Zero Licenza Edipo benzina mandorle DS 144.800 MHz John Goodman candela bug Bridget Moynahan attila manuali Harvey Keitel carica Sola focaccia al formaggio Rolling In The Deep Poste italiane crostate orefice Mont Blanc Camperista stivaletti Antliae Baldissera PC digitale terrestre Gulp dieta Galleggiante Mosca Carnaria A3 Marco Bocci Beacons VV-898 Paolo Lodi caravella Ottone Burian anni luce VGA Sahara stagioni Sognefjord