Stampa

Acquario Giapponese – Zen (Takashi Amano)

L’estremo oriente ed in particolare il Giappone sono sempre stati patria di filosofi e ricercatori della giusta armonia vitale attraverso gli elementi naturali ed anche in acquariologia grazie alla persona di Takashi Amano (primo a proporre tali vasche) questa ricerca dell’armonia ha dato vita agli acquari zen.

Takashi Amano

Possiamo affermare che l’acquario zen è un angolo di natura sommersa nel quale l’armonia e le proporzioni tra i vari elementi presenti in vasca restituiscono all’acquariofilo un quadro naturale assolutamente mozzafiato. Per realizzare questa tipologia di acquari serve molta pazienza, tempo da dedicargli (come tutti gli acquari del resto…) e un buon studio dei vari elementi che si ha intenzione di inserire in vasca per partire subito col piede giusto.

L’acquario zen solitamente è composto da un fondo fertilizzato (akadama o sabbia più un substrato fertilizzante) tronchi, radici o rocce (nel caso di un acquario con le sole rocce presenti saremo in presenza di una vasca Iwagumi). Questi elementi devono sempre essere presenti in numero dispari e posizionati in modo da ricreare una sensazione di armonia e naturalezza alternando vuoti e pieni all’interno della vasca.

Le piante hanno un ruolo fondamentale per queste realizzazioni, un pratino di glossostigma o hemianthus callitrichoides è irrinunciabile per la parte anteriore-mediana della vasca mentre nella zona posteriore possono essere inserite piante a stelo più alte, sempre in numero dispari e avendo cure di inserire le piante a foglia rossa o scura agli angoli posteriori della vasca lasciando al centro della scena quelle a foglia verde.

L’acquario zen non pone limiti minimi per quanto riguarda le dimensioni; si può realizzare in una vasca da poche decine di litri fino a quelle da svariate centinaia. Quello che conta è la filosofia di realizzazione, per quanto riguarda la tecnica e i valori dell’acqua saranno inevitabilmente sottoposti alle esigenze vitali di crescita delle piante che andremo ad inserire e di conseguenza saranno scelti pesci e\o invertebrati per la loro compatibilità con i valori chimico-fisici dell’acqua che andremo ad ottenere. Ovviamente per il fatto che non devono assolutamente danneggiare la vegetazione acquatica (ideali sono piccoli caracidi o caridinie).


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

Johnny Depp Alpha titani acero Satoshi Nakamoto sisal Mediaset Extra dipoli SXGA Jeff Bridges 4/4 indirizzo ip carta prepagata livree comando Filosofo C4FM genova Scarlett Johansson xp F1 1971 insalata meteorici etichetta Repubblica space dentale guadagno I Miss You buco nero Telescopio metano indicativo di chiamata nucleare aristocratica nord Cervino Rinascimento Proprietà Azzorre pipistrelli resistenza elettrica Dente del Gigante Norvegia INTELSAT Migratore hello elettricità ora lambda titano Lee Pace bruschetta Gary Ross MT63 Guardia Costiera KeepVid scaldabagno osservatorio interferenza Remedy astronomia fotocamera reflex HD Circo Massimo automobile 5895 boiler Brunello Daniele Mai Naturalismo fata cornetti MS DOS Angelo Pintus Someone Like You polpette sitebook m87 collisioni acciaio vegetale omero SETI cipolla La Borsa Di Una Donna circolare destrorsa LaEffe codice Q primo punto di Ariete numeri Estintore Joule TIM idroclorofluorocarburi 137 MHz Barcolana allunaggio ibrido cavolfiore disma Rai Storia Packet Fatima Trotta Plarium raggiera Amateur TeleVision LIMF Neil Armstrong frequenze radioamatoriali azoto voli Julianne Moore accordare apollo Short Wave Listener Vymarna 105 A5 Kendra Leigh Timmins Argento analisi spettroscopica batteria PMR Tono rilascio focus Hugo Weaving nuovi pesci festivi carburante modem RNA webcam ip calabroni Vanessa Hessler Recco Meteo Abduction FAT INTENSITÀ Pecilidi ovovivipari stazione radioamatoriale Widget chimica luce Mugnaia fenomeni atmosferici TeamViewer stufa elettrica Evan Ross