Acquario Giapponese – Zen (Takashi Amano)

L’estremo oriente ed in particolare il Giappone sono sempre stati patria di filosofi e ricercatori della giusta armonia vitale attraverso gli elementi naturali ed anche in acquariologia grazie alla persona di Takashi Amano (primo a proporre tali vasche) questa ricerca dell’armonia ha dato vita agli acquari zen.

Takashi Amano

Possiamo affermare che l’acquario zen è un angolo di natura sommersa nel quale l’armonia e le proporzioni tra i vari elementi presenti in vasca restituiscono all’acquariofilo un quadro naturale assolutamente mozzafiato. Per realizzare questa tipologia di acquari serve molta pazienza, tempo da dedicargli (come tutti gli acquari del resto…) e un buon studio dei vari elementi che si ha intenzione di inserire in vasca per partire subito col piede giusto.

L’acquario zen solitamente è composto da un fondo fertilizzato (akadama o sabbia più un substrato fertilizzante) tronchi, radici o rocce (nel caso di un acquario con le sole rocce presenti saremo in presenza di una vasca Iwagumi). Questi elementi devono sempre essere presenti in numero dispari e posizionati in modo da ricreare una sensazione di armonia e naturalezza alternando vuoti e pieni all’interno della vasca.

Le piante hanno un ruolo fondamentale per queste realizzazioni, un pratino di glossostigma o hemianthus callitrichoides è irrinunciabile per la parte anteriore-mediana della vasca mentre nella zona posteriore possono essere inserite piante a stelo più alte, sempre in numero dispari e avendo cure di inserire le piante a foglia rossa o scura agli angoli posteriori della vasca lasciando al centro della scena quelle a foglia verde.

L’acquario zen non pone limiti minimi per quanto riguarda le dimensioni; si può realizzare in una vasca da poche decine di litri fino a quelle da svariate centinaia. Quello che conta è la filosofia di realizzazione, per quanto riguarda la tecnica e i valori dell’acqua saranno inevitabilmente sottoposti alle esigenze vitali di crescita delle piante che andremo ad inserire e di conseguenza saranno scelti pesci e\o invertebrati per la loro compatibilità con i valori chimico-fisici dell’acqua che andremo ad ottenere. Ovviamente per il fatto che non devono assolutamente danneggiare la vegetazione acquatica (ideali sono piccoli caracidi o caridinie).


Ritieni il contenuto di questa pagina incompleto, non attendibile oppure oggetto di altre problematiche? INVIA UNA SEGNALAZIONE Grazie!

Tags cloud

pubblicita ricina stazione spaziale conquistatore WFM mod_rewrite.c MOAB Clover Store Marco Masini google stazione allodola parsec AOR CL-215 Kendra Leigh Timmins gorgona caccia ATLAS fiume Libeccio deserto gelatina andromeda abilitare processi campo elettrostatico Kennedy colazione aquila Hyphessobrycon previsioni livella quiz Ellen Burstyn carote app Xbox cereali inclinazione SOA Un Giorno Mi Dirai Blogger guida tv Seconda guerra mondiale magnitudo auto prefissi giglio di San Luigi attività schermo verifica Jeff Bridges Elio E Le Storie Tese modulo animazione Oscar 2016 Barbus tetrazona MP4 Autovettura bollino rai 1 Regina applicazione Robin Williams Anna Bolena Tunisi notepad Kermes vermilio fps valerianella Cristoforo Colombo Benjamin Whitrow radiantismo radioamatoriali fiore Elijah Wood erbivori liquidi Vimeo potenza B.J. Novak Sogni E Nostalgia Italo Balbo razzo OGGETTI Gestione Gressoney Perielio Taxi Juentai cappone Cassino ristorante MKV Vettis Norman Matlock film Pulci Windows 10 trivellazione elettromagnetica taggare Metalli Telescopio RadioTre NDB spider countdown pipistrelli ricezione titani CW lavoratori marketing editore frittata windows 8.1 record stazione radioamatoriale registrare video Mackenzie Foy Corazzata Laio pianeta Awekas bande SSTV idroclorofluorocarburi KIAS cannes combinato navigazione Parkside maki Piombo fiumi Stadius Huntington sale 8.1 Bitcoin Esquilino Fabrizio Bentivoglio nichel-cadmio Single Side Band malta traino VV-898 Meteorite 5895 Ostro