Acquario Giapponese – Zen (Takashi Amano)

L’estremo oriente ed in particolare il Giappone sono sempre stati patria di filosofi e ricercatori della giusta armonia vitale attraverso gli elementi naturali ed anche in acquariologia grazie alla persona di Takashi Amano (primo a proporre tali vasche) questa ricerca dell’armonia ha dato vita agli acquari zen.

Takashi Amano

Possiamo affermare che l’acquario zen è un angolo di natura sommersa nel quale l’armonia e le proporzioni tra i vari elementi presenti in vasca restituiscono all’acquariofilo un quadro naturale assolutamente mozzafiato. Per realizzare questa tipologia di acquari serve molta pazienza, tempo da dedicargli (come tutti gli acquari del resto…) e un buon studio dei vari elementi che si ha intenzione di inserire in vasca per partire subito col piede giusto.

L’acquario zen solitamente è composto da un fondo fertilizzato (akadama o sabbia più un substrato fertilizzante) tronchi, radici o rocce (nel caso di un acquario con le sole rocce presenti saremo in presenza di una vasca Iwagumi). Questi elementi devono sempre essere presenti in numero dispari e posizionati in modo da ricreare una sensazione di armonia e naturalezza alternando vuoti e pieni all’interno della vasca.

Le piante hanno un ruolo fondamentale per queste realizzazioni, un pratino di glossostigma o hemianthus callitrichoides è irrinunciabile per la parte anteriore-mediana della vasca mentre nella zona posteriore possono essere inserite piante a stelo più alte, sempre in numero dispari e avendo cure di inserire le piante a foglia rossa o scura agli angoli posteriori della vasca lasciando al centro della scena quelle a foglia verde.

L’acquario zen non pone limiti minimi per quanto riguarda le dimensioni; si può realizzare in una vasca da poche decine di litri fino a quelle da svariate centinaia. Quello che conta è la filosofia di realizzazione, per quanto riguarda la tecnica e i valori dell’acqua saranno inevitabilmente sottoposti alle esigenze vitali di crescita delle piante che andremo ad inserire e di conseguenza saranno scelti pesci e\o invertebrati per la loro compatibilità con i valori chimico-fisici dell’acqua che andremo ad ottenere. Ovviamente per il fatto che non devono assolutamente danneggiare la vegetazione acquatica (ideali sono piccoli caracidi o caridinie).


Tags cloud

emisfero Monarchia vedere Luigi Proietti Via Da Qui gold dati induttanza Awards Lambert Mare Imbrium Paesi vento Morgan e Bluvertigo inno nazionale ARI XLS Coridoras Coppa Galleggiante A5 Trasporto Aereo Deposito esterno Hidetsugu Yagi automatico VSWR marina Ciprinidi referendum Lavoro pittura corpo Goran Visnjic Bari doppiaggio statunitense Hiroshima RG 58 C/U Quotazione fuoco idrico snow Barolo Capitolino Campeggiatore Bill Nighy Poseidone Batteri Francesco Pannofino Protezione Bosone di Higgs LIMF Alessandra Mastronardi Frequency Modulation rai 2 Erg ReadyBoost avviso W.C. sogno Pesca LVOR Infostrada simbolo Samm Levine spettrali TCP aru Roberto Murolo quiz Olivia Francis Lawrence emergenza Scorpena Volante aglio gamma UHF Candele carta prepagata Conto Online allodola CB javascript Adam Sand Malika Ayane Rai Scuola Giurassico sismografi stazione meteo moto open signal Canale prezzemolo SportItalia VFO maia generatore salva Terzo Reich colorante Arisa osservazione frequenze Peter Webber formula Cassini remoto ampere QFH loran Assassin's Creed colazione Paolo Nespoli Maestrale trascinare icona industriali Riviera livree Yasser Arafat antonio conte Band Plan Mike Myers Webmaster fiume altare gorgona fiumi Russell Yuen Fenici anguria Calabria condensatore tdma Giuseppe Piazzi barrato Multiple Frequency Shift Keying bacino caccia italia 1 NDB multiplayer Nessun Grado Di Separazione esplorazione Labirintidi CL-415 apertura microrganismi Albert Brooks cocciniglie diesel Onde Stazionare Psicoterapeuta